Prenota

Prenota

- +
- +
- +
Check-In

Check in

Prima del volo
Controlla i campi obbligatori

Madrid: “terra ricca d’acqua”

europa » Madrid

11/05/2016

La nascita di Madrid è avvenuta in tempi recenti quando, primi fra tutti gli arabi, la chiamarono: “Magerit”, “terra ricca d’acqua”, dove, in prossimità della Sierra di Guadarrama per volontà di Filippo II figlio di Re Caldo V, la creò, completamente nuova come noi oggi la conosciamo.

La città fu eretta nel 1561 attorno ad una fortezza araba nella piana della “Nuova Castiglia” che si estende lungo il fiume “Manzaranes”, ed anche se può sembrare strano, ma Madrid pur non avendo riferimenti immediati visivi nell’immaginario comune di ognuno di noi, come quando si parla di Londra, Parigi, Roma, diviene comunque un luogo suggestivo da esplorare, a mano a mano, che si passa da una via all’altra, sempre avvolti dal mistero della ricerca e della scoperta della città.
Questa ricerca ha origine nella sua cultura; la città fa trovare molti musei come il suo più famoso, il “Prado”, ma è anche la città di Murillo, Goya, Velasquez e, attraversando i loro dipinti e capolavori, è un po’ come attraversare la città stessa e la sua storia.
Viaggio culturale? Si. Destinazione rilassante? Si. Attiva vita notturna? Si. Ma Madrid è ancora molto di più: gli edifici storici seducono il turista che li osserva prima di vistarli per poi tuffarsi nella strepitosa “movida madrilena” dove, suoni, atmosfere, colori e spettacolo all’aperto, si fondono con l’entusiasmo della propria gente e di questa magnifica città cosmopolita.

L’avvento del giovane re Juan Carlos di Borbone dopo la fine del periodo del “Generale Franco”, ha sancito una svolta e un cambiamento di novità a Madrid; la città spagnola è diventata così, la capitale della “movida”, centro museale di indiscusso valore e meta tra le più ricercate del turismo internazionale.

La festa dedicata a San Isidoro è l’evento più atteso dell’anno, anche perché è il santo patrono di Madrid e in suo onore, si fanno oltre un mese di festeggiamenti nei quali c’è l’evento clou che è il “Festival Taurino” che riempie la Plaza de Toros de Las Ventas”, appunto per un mese intero, con le tradizionali corride, che si svolgono, giornalmente.
In questi giorni poi non sarà affatto strano, trovare per le vie della città, i madrileni vestiti con il tipico “castizo” che gustano le tradizionali ciambelle.
Quando si pensa a Madrid impossibile non ricordarsi due suoi personaggi illustri: Miguel de Cervantes e Felix Lope de Vega; il primo legò il suo nome al famosissimo personaggio da lui inventato Don Chisciotte, l’altro famosissimo e prolifero drammaturgo e poeta, spagnolo del quale oggi, è possibile visitare la sua ultima dimora, situata in Calle Cervantes.

Come ogni capitale e, come ogni Paese, anche Madrid ha il suo ballo tipico: il flamenco, ma anche se può sembrare una frase fatta, Il flamenco è sempre molto di più dell’immaginabile; passione e intensità, peculiarità che sono le qualità che fanno in modo che la sua espressività sia percepita da tutti, quale ballo tipico spagnolo, che è probabilmente il genere musicale emblematico di questa nazione quale veicolo e memoria della cultura, e della tradizione.

Link Utili:
Spain
Madrid
Informagiovani Madrid

Iscriviti alla nostra
newsletter
Stimola la tua voglia di viaggiare! sarai sempre aggiornato su voli, hotel, offerte speciali e tante curiosità sulle città dove atterriamo.


 Dichiaro di aver letto e di accettare laTutela dei dati personali